PNRR – FONDO DI ROTAZIONE SETTORE TURISMO

 

Il 28 Dicembre scorso è stato pubblicato il Decreto Interministeriale, emanato dal Ministro del Turismo insieme con il Ministro dell’Economia e delle finanze, riguardante gli incentivi diretti al sostegno degli investimenti per il settore del turismo in particolare degli interventi di riqualificazione energetica, sostenibilità ambientale e innovazione digitale.
 
Gli incentivi sostengono i seguenti interventi:
 
a)   Riqualificazione energetica;
b)   Riqualificazione antisismica;
c)   Eliminazione delle barriere architettoniche;
d)   Interventi edilizi funzionali agli interventi a) e b);
e)   Realizzazione di piscine termali e acquisizione di attrezzature e apparecchiature per lo svolgimento delle attività termali;
f)     Digitalizzazione;
g)   Acquisto/rinnovo di arredi;
h)   Interventi riguardanti i centri termali, i porti turistici, i parchi tematici, inclusi i parchi acquatici e faunistici.
 
La spesa ammissibile non può essere inferiore a € 500.000,00 né superiore a € 10 milioni e deve essere sostenuta dopo la presentazione della domanda.
 
I programmi di investimento devono essere avviati e conclusi rispettivamente entro 6 mesi e 30 mesi dalla stipula del Contratto di finanziamento.
 
Sono ammissibili le spese necessarie alle finalità degli interventi suindicati relative all’acquisto di beni e servizi rientranti nei seguenti limiti:
 
·      Servizi di progettazione, nella misura massima del 2%;
·      Suolo aziendale e sue sistemazioni, nella misura massima del 5% della spesa ammissibile;
·      Fabbricati, opere murarie e assimilate, nella misura massima del 50% della spesa ammissibile;
·      Macchinari, impianti e attrezzature varie, nuovi di fabbrica;
·      Spese per la digitalizzazione, esclusi i costi relativi alla intermediazione commerciale, nella misura massima del 5%.
 
Il ministero comunicherà successivamente l’ambito delle spese ammissibili. Le spese devono essere pagate esclusivamente con c/c dedicato.
 
Gli incentivi sono riconosciuti nella forma del contributo diretto alla spesa e del finanziamento agevolato. 
 
Il contributo diretto alla spesa è concesso in base alla dimensione di impresa per una percentuale nominale dei costi e delle spese ammissibili che varia dal 5 al 30%.
 
Il tasso di interesse da applicare al finanziamento agevolato è pari allo 0.50% annuo; la durata del finanziamento non può essere superiore a 15 anni
 
Inoltre, il finanziamento agevolato dev’essere associato a un finanziamento bancario a tasso di mercato di pari importo e durata erogato dalla banca finanziatrice (i due finanziamenti sono regolati da un unico contratto).
 
Gli incentivi in oggetto non sono cumulabili con altri contributi e sono concessi sulla base di una procedura valutativa.
 
La domanda di incentivo è presentata al Ministero a decorrere dalla data di apertura dei termini e con le modalità determinate con successivo provvedimento del ministero, che indicherà anche le altre indicazioni utili e gli oneri informativi a carico delle imprese.

Per informazioni, contatta l’UFFICIO CREDITO CNA ai seguenti recapiti

e-mail credito@im.cna.it
tel 0184-1916603

 

TESTO INTEGRALE DEL DECRETO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.