Si informa che sono stati prorogati i termini previsti per la Misura 1 e Misura 2 a lunedì 8 luglio per tutti i comparti.

EVENTO 29/30 OTTOBRE 2018 – Procedure operative MISURA 2 – contributi a favore delle attività economiche, produttive, titolari P.IVA, professionisti

Il commissario delegato ha approvato la “misura due” per l’erogazione dei contributi alle imprese danneggiate dalla mareggiata dello scorso autunno.
Soggetti beneficiari
Le attività economiche e produttive, i professionisti e i titolari di Partita Iva, le imprese proprietarie dell’immobile sede dell’attività economica e/o produttiva, o che costituisce l’attività, che hanno subito danni a seguito dell’evento del 29/30 OTTOBRE 2018 ed hanno presentato la segnalazione del danno (modello AE alla Camera di Commercio competente per territorio) nei termini e con le modalità previste.
 Agevolazione
I contributi sono previsti per il ripristino strutturale e funzionale dell’immobile sede o oggetto dell’attività (o la delocalizzazione in altro sito) e/o per il ripristino o la sostituzione degli impianti civili danneggiati o distrutti; sono ammissibili gli interventi alle pertinenze, aree e fondi esterni che aumentano il livello di resilienza dell’unità immobiliare.
I contributi sono concessi nel limite massimo complessivo di Euro 450.000,00 e con le seguenti modalità:

  1. Interventi sull’immobile sede dell’attività o che costituisce l’attività (ricostruzione, delocalizzazione, ripristino strutturale e funzionale): 100% del costo indicato in perizia ed ammissibile, sino al 50% del limite massimo;
  2. Interventi di ripristino/sostituzione degli impianti: 100% del costo indicato in perizia ed ammissibile, sino al 80% del limite massimo;
  3. Prestazioni tecniche: la relativa spesa (comprensiva di Cassa previdenziale, IVA ed eventuali altri oneri riflessi) è ammissibile nel limite del 10% dell’importo dei lavori al netto dell’IVA di legge, nel rispetto dei limiti massimali in precedenza indicati.

Categorie di danno Ammissibili

  1. Ripristino strutturale e funzionale dell’immobile nel quale ha sede l’attività o che costituisce l’attività, ivi comprese le relative pertinenze ed aree esterne;
  2. Ricostruzione in sito dell’immobile distrutto nel quale ha sede l’attività o che costituisce l’attività;
  3. Delocalizzazione, previa demolizione dell’immobile distrutto nel quale ha sede l’attività o che costituisce l’attività, costruendo o acquistando una nuova unità immobiliare in altro sito della medesima Regione se la relativa ricostruzione in sito non sia possibile:
    1. in base ai piani di assetto idrogeologico o agli strumenti urbanistici vigenti;
    2. in conseguenza di fattori di rischio esterni e per i quali, alla data di presentazione della domanda di accesso al presente bando non risultino programmati e finanziati interventi di rimozione dei predetti fattori di rischio;
  4. Ripristino, recupero e manutenzione straordinaria di opere e impianti danneggiati o distrutti a seguito dell’evento calamitoso.
  5. Gli eventuali adeguamenti obbligatori per legge;
  6. le prestazioni tecniche (progettazione, direzione lavori, costo della perizia ecc.).

NOTE IMPORTANTI
Per “resilienza” si intende la capacità del sistema di sostenere gli effetti del danneggiamento mantenendo le proprie prestazioni a livelli accettabili e di garantire una adeguata capacità di recupero che consenta di tornare, in tempi rapidi, allo stato pre-evento.
In presenza di indennizzi assicurativi o altre tipologie di contributo corrisposti o da corrispondersi da altro ente pubblico per le medesime finalità, a detto indennizzo o al contributo pubblico andrà sommato il contributo spettante con il presente bando, sino alla concorrenza del danno periziato e ammesso da parte dell’Ente Istruttore. Nel caso di indennizzo assicurativo al contributo spettante è aggiunta una somma pari ai premi assicurativi versati nei 5 anni precedenti.
 

Per informazioni e la predisposizione delle domande:
CNA IMPERIA UFFICIO CREDITO
Tel. 0184 500309 E-mail: credito@im.cna.itcentroassistenza@im.cna.it

Le modalità di trasmissione delle domande sono solo le seguenti:
– per posta raccomandata (fa fede la data del timbro postale) CCIAA Riviere di Liguria Imperia La Spezia Savona Via Quarda Superiore,16 – Savona – marca da bollo da 16 € da applicare sulla domanda;
– a mezzo PEC (fa fede la data di spedizione) esclusivamente allPEC della Camera di Commercio Riviere di Liguria  cciaa.rivlig@legalmail.it; la domanda va corredata dal modello F23 comprovante il pagamento dell’imposta di bollo, effettuato con i seguenti parametri: importo 16€, ufficio o ente TLQ nel campo 6, codice 456T nel campo 11, codice 2019DCD558RL nel campo 10, nel campo 12 (descrizione) inserire “imposta di bollo su istanza bando DCD558 12/2019 Reg. Liguria”.
 

Questo elemento è stato inserito in news. Aggiungilo ai segnalibri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.