Al TTG di Rimini CNA Imperia ha presentato nel suo stand davanti ad una platea internazionale, un nuovo progetto dedicato alla gestione delle richieste di incoming per destinazioni turistiche. “Viegiu” è il nome del progetto e ha l’obiettivo di fornire al turista interessato al territorio un’offerta che tenga conto delle esigenze espresse. Si va oltre i booking tradizionali che richiedono affiliazione e danno risposte standardizzate, generalmente vendendo camere. Viegiu offre a tutte le strutture della destinazione la possibilità di proporre le proprie soluzioni di soggiorno, di proporre il proprio territorio, di mettere la faccia in un mercato come quello del booking spesso impersonale e meccanico.

“E’ un progetto molto interessante che fa un passo avanti, oltre la standardizzazione guardando indietro, riproponendo un rapporto diretto tra chi offre e chi chiede ricettività che si è perso negli ultimi anni a favore di meccanizzazioni sempre più spinte” – dice Olmo Romeo, presidente regionale di CNA Turismo e Commercio – “La disintermediazione, cioè il fatto che la struttura ricettiva non paghi alcunché per poterne usufruire è, a nostro avviso, anche un bel segnale per mantenere sul territorio fondi importanti che andrebbero altrimenti all’estero, con obiettivo di favorire investimenti, crescita, lavoro”.

“CNA Imperia, da sempre pone l’attenzione ai territori, alle loro peculiarità, alle eccellenze, che troppo spesso non hanno spazio né valorizzazione” – dice Luciano Vazzano, direttore di CNA Imperia – “e Viegiu è un progetto che va in questa direzione legato, questa volta, alla ricettività turistica. Il nome poi, è stato scelto per rappresentare tradizione e territorio, è viaggio in dialetto ponentino. Il prossimo passo è trovare amministrazioni o enti locali che abbiano interesse a trasformare il proprio paese da località a destinazione turistica, processo nel quale, Viegiu è un tassello importante”.

“Questo progetto nasce alcuni anni fa, cambiando forma nel tempo facendo tesoro dell’esperienza maturata sul campo. In questo periodo di affinamento, interrotto nel periodo Covid, il prototipo è stato usato da diverse migliaia di utenti che, per il 53% lo hanno riutilizzato, generando movimenti turistici e flussi sui territori” – dice Graziano Poretti che ha ideato e realizzato con la Due Metri di Arma di Taggia – “Nella sua semplicità è un sistema che offre vantaggi a tutti i soggetti che partecipano, dal territorio, alle strutture e, soprattutto, ai turisti. E’ stato rilasciato al TTG di Rimini, il motore è acceso, ora inizia l’avventura”.

Per info visitare https://viegiu.it o scrivere a info@viegiu.it