A partire dal prossimo 1° luglio entreranno in vigore le “Norme per l’infrastrutturazione digitale degli edifici” introdotte dal provvedimento Sblocca-Italia, il DL n. 133 del 12 settembre 2014 poi convertito in legge con la L. 164/2014.
Innanzitutto va ricordato che le modifiche introdotte al cosiddetto testo unico per l’edilizia (DPR 380/01) prevedono che, in fase di progettazione, i nuovi edifici e gli edifici oggetto di rilevanti ristrutturazioni, per le quali è necessario richiedere il permesso di costruire di cui all’art. 10 del già citato DPR 380/01, debbano essere dotati di “un’infrastruttura fisica multiservizio passiva interna all’edificio, costituita da adeguati spazi installativi e da impianti di comunicazione ad alta velocità in fibra ottica fino ai punti terminali di rete”.

Tra i provvedimenti previsti dalla L. 164/2014 , il fatto che i nuovi edifici e quelli sottoposti a pesanti ristrutturazioni siano provvisti di un “punto fisico, situato all’interno o all’esterno dell’edificio e accessibile alle imprese autorizzate a fornire reti pubbliche di comunicazione, che consente la connessione con l’infrastruttura interna all’edificio predisposta per i servizi di accesso in fibra ottica a banda ultralarga.”

Sull’argomento sarà organizzato un seminario (da svolgersi anche in modalità videoconferenza) entro il mese di luglio.

Non appena definite data e programma dei lavori sarà ns. cura comunicarlo tempestivamente.