ATTENZIONE: PROROGA TERMINE DI PRESENTAZIONE AL 31 OTTOBRE 2019

Bando attuativo dell’azione 3.2.1 – Zona franca urbana di Ventimiglia

Contributi a fondo perduto fino al 50% per investimenti localizzati in strutture operative dell’impresa ubicate nella Zona Franca Urbana di Ventimiglia

Gli investimenti ammessi ad agevolazione devono essere realizzati nell’ambito di strutture operative dell’impresa ubicate nella Zona Franca Urbana di Ventimiglia, come individuata con deliberazione CIPE n. 14/2009, e devono essere riferiti a una o più attività economiche indicate nell’allegato al Bando e riportate al seguente link

Elenco attività economiche ammesse al bando

INVESTIMENTI AMMISSIBILI (investimento minimo € 10.000 massimo € 100.000 da realizzare in 12 mesi dalla concessione):

Sono ammissibili le spese riferite a interventi avviati a far data dall’01/07/2018, purché non conclusi alla data di presentazione della domanda e riferibili a:

  1. opere edili e impiantistiche;
  2. acquisizione di impianti produttivi, macchinari ed attrezzature, nuovi di fabbrica, strettamente inerenti all’attività dell’impresa. Sono ammissibili i mezzi mobili se strettamente necessari al ciclo produttivo e se a servizio esclusivo della struttura produttiva oggetto dell’agevolazione (sono esclusi comunque i veicoli destinati al trasporto di merci su strada per le imprese che esercitano attività di trasporto di merci su strada per conto terzi);
  3. acquisizione di programmi informatici, diritti di brevetto e licenze nel limite del 20% dell’investimento ammissibile;
  4. prestazioni consulenziali, nel limite del 15% del totale degli investimenti ammissibili, per studi di fattibilità e piani d’impresa, per studi di valutazione d’impatto ambientale e per la certificazione di qualità aziendale ed ambientale, compreso le spese di certificazione; spese per l’introduzione di innovazioni del sistema distributivo “e-business” e “e-commerce”.

Sono esclusi gli investimenti in leasing, i pagamenti in contanti, i beni di imponibile inferiore a € 500.

AGEVOLAZIONE: contributo a fondo perduto in De Minimis nella misura del 50% della spesa ammissibile (massimo € 50.000 a impresa)

Le domande di agevolazione devono essere redatte esclusivamente online (occorre firma digitale e PEC) e inviate a decorrere dal giorno 15/07/2019 al giorno 31/10/2019.

IMPORTANTE L’istruttoria delle domande viene effettuata da FI.L.S.E. S.p.A. con procedura valutativa. Le domande presentate nei termini vengono ordinate, per l’esame istruttorio, sulla base della maggiore nuova occupazione generata dall’iniziativa nell’unità produttiva oggetto dell’agevolazione e, specificatamente, del maggior numero di nuovi posti di lavoro creati a tempo indeterminato (nel periodo decorrente dalla data di avvio del progetto fino al termine ultimo previsto per la rendicontazione della spesa). Nel caso di parità è data priorità alle iniziative proposte da micro imprese. In caso di ulteriore parità si procederà al sorteggio in presenza di notaio.

Rivolgiti all’UFFICI CREDITO CNA
per un’analisi gratuita di fattibilità, per l’assistenza alla presentazione delle domande e per conoscere altre opportunità agevolative:
Tel. 0184 500309
E-mail: credito@im.cna.it, centroassistenza@im.cna.it